Vieste e il Gargano in diretta su Raitre

VIESTE – In diretta da Vieste, su Rai Tre, la troupe giornalistica di “Agorà” giovedì 10 giugno, dalle ore 8, racconterà le novità dell’estate sul Gargano: le statistiche sulle prenotazioni già arrivate, i numeri su arrivi e presenze, la nuova organizzazione dell’offerta e dei servizi turistici sulla costa e nell’entroterra. La trasmissione condotta da Luisella Costamagna darà voce agli operatori turistici del Gargano intervistando, tra gli altri, Bruno Zangardi, presidente del Consorzio Gargano Ok.

Si tratta di una vetrina importante, soprattutto all’inizio di una stagione turistica che si presenta cruciale sotto molti punti di vista: nella fascia oraria compresa tra le 8 e le 9 del mattino, infatti, Rai Tre raggiunge una media dell’11,16% di share, con poco meno di 600mila telespettatori sintonizzati.

Rai Tre si collegherà in diretta con una propria troupe presente a Vieste. In presa diretta, e con altri servizi giornalistici già preparati, saranno mostrati la costa e l’entroterra garganici.

Il report della Regione Puglia sui dati del 2020 ha confermato che anche lo scorso anno, nonostante le difficoltà causate dalla pandemia, Vieste, Peschici e le altre località del Gargano hanno ribadito il primato regionale per quanto riguarda arrivi e presenze.

I numeri che si stanno delineando per il Gargano nella stagione turistica appena cominciata, tuttavia, sono superiori sia a quelli dello scorso anno sia a quanto registrò il 2019.

Si parlerà anche di questo ad “Agorà”, mettendo in evidenza l’indagine statistica realizzata proprio dal Consorzio Gargano Ok.

L’indice medio di riempimento delle strutture, in questo momento e con le prenotazioni ancora in corso, si attesta al 40-45% per giugno, dal 60 all’80% in luglio, dal 85 al 100% in agosto. Molte strutture sono già completamente prenotate per agosto, tanto da dover rifiutare ulteriori prenotazioni. Le percentuali di riempimento delle strutture, per gli altri mesi, sono destinate a salire velocemente nei prossimi giorni.

Il dato di agosto è eccellente, ma quello potenzialmente più interessante riguarda settembre: per quel mese, la media percentuale di riempimento delle strutture garganiche si attesta già sulla forbice che va dal 15 al 30%: nel 2020, in questo periodo, lo stesso indice andava dallo zero al 7-8%.