Crea sito

Rosoni di Puglia patrimonio Unesco. Avviato l’iter, c’è anche Troia

Pensare che i rosoni di Puglia possano essere riconosciuti patrimonio mondiale Unesco è una cosa di una bellezza entusiasmante, un patrimonio identitario pugliese unico nel suo genere, che trova il modo di essere ulteriormente valorizzato e promosso“. È il commento del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, all’iniziativa lanciata dalla Compagnia degli Exsultanti per avviare il percorso per il riconoscimento dei Rosoni di Puglia come patrimonio Unesco. L’iniziativa punta su ben 33 rosoni pugliesi e sul coinvolgimento delle comunità locali relative, per stimolare consapevolezza e passione per il patrimonio culturale condiviso e favorire un nuovo approccio alla fruizione fondato sul turismo lento. “Una bellezza che si dipana lungo un asse territoriale poggiato sui capolavori portanti:  il Rosone della Cattedrale di Troia (Fg), il Rosone della Cattedrale di Ostuni (Br) e il Rosone della Cattedrale di Otranto (Le), per proiettare un canto corale insieme ad altri 30 rosoni” – ha affermato Emiliano.