Crea sito

Quasi 40 scosse di terremoto in Adriatico. Il sismologo dell’INGV spiega cosa sta accadendo

Sono quasi 40 le scosse di terremoto, registrate dalle 14:47 di oggi pomeriggio fino alle 19:23 di questa sera dalla Sala Sismica dell’INGV, con epicentro nell’Adriatico Centrale. Quelle più forti, oltre alla prima di magnitudo 5.2 avvertita lungo tutta la costa adriatica, sono state registrate alle 15:00 (4.1), alle 15:13 (4.1) e alle 15:21 (4.0), tutte le altre si attestano tra 2.0 e 3.7 della Scala Richter.  

Il sismologo dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Salvatore Stramondo, ha dichiarato alla stampa che il terremoto è avvenuto in un’area geologicamente molto complessa, dove la microplacca adriatica si scontra con la placca continentale. Secondo il sismologo si tratta di una situazione da comprendere poiché in questa zona non ci sono stati molti precedenti. La prima ipotesi degli esperti è che a generare questo terremoto sia stato un meccanismo di scorrimento nel quale abbiano avuto un ruolo le Dinaridi, la catena montuosa che attraversa parte dei Balcani, la cui struttura sottomarina si sovrappone alla zona dell’epicentro.