Crea sito

Lucera. Crisi a Palazzo Mozzagrugno, cittadini contrariati a otto mesi dal voto

Il Comune di Lucera è in piena crisi politica e ad otto mesi dalle elezioni amministrative e, soprattutto, in questo delicato momento in cui la città sta uscendo dal periodo nero del Covid, la situazione che si profila sta creando sconcerto e disapprovazione nei cittadini. Dopo il distacco dei tre consiglieri La Vecchia, Checchia, Niro e Aquilano della Lista “Con”, Giuseppe Pitta non ha più i numeri, fatto ancora più certo vista l’uscita dalla maggioranza pure della Lista “Agricoltori per Lucera“, anche se non in tutte le sue unità. Con il passar delle ore si susseguono i colpi di scena, infatti nella stessa giornata del 25 maggio, sono arrivate anche le dimissioni del vice sindaco e assessore Nicola Di Battista e dell’assessore Pierluigi Colomba. Nonostante lo tsunami che sta travolgendo l’Amministrazione, sembra che il sindaco non voglia mollare la presa cercando alleanze nel centrodestra per poter rimanere a galla. Il Pd resta all’opposizione, non mostrando però abbastanza compattezza. I prossimi giorni saranno decisivi per fare chiarezza sui nuovi ruoli degli eletti e, visti i presupposti, si attendono altri inevitabili colpi di scena a cui difficilmente i cittadini plaudiranno: la città è allo sbando e, invece della tanto auspicata ripartenza, si ritrovano a subire le conseguenze dell’ennesimo disastro politico.